Record mondiale per un artista vivente. Quadro di David Hockney venduto all’asta per 90 milioni di dollari.

300 milioni di dollari per Nafea Faa Ipoipo di Gauguin

AGGIORNAMENTO… CLAMOROSO!

A quanto pare non sono 300 ma 210 i milioni di dollari pagati per il quadro “Nafea Faa Ipoipo” di Gauguin nel 2014!


Quando partecipiamo ad un asta di arte moderna e contemporanea ci facciamo mille domande sull’opera che ci interessa, quanto vale sul mercato delle gallerie, quali sono le aggiudicazioni di opere simili, la nostra disponibilità finanziaria in relazione anche ad altri obiettivi.

"Nafea Faa Ipoipo" di Gauguin
“Nafea Faa Ipoipo” di Gauguin

Questi noi, nel nostro piccolo, poi ci sono quelli che con centinaia di milioni acquistano un solo quadro. Sto parlando dell’acquirente svizzero che ha sborsato ben 300 milioni di dollari per Nafea Faa Ipoipo (“Quando ti sposi?” ) dipinto da Gauguin nel 1892 che raffigura due ragazze polinesiane mentre riposano sedute a terra. Entrambe le figure sono state dipinte a partire da una sola modella, utilizzata poi in pose e vesti differenti.

"I giocatori di carte" di Paul Cézanne
“I giocatori di carte” di Paul Cézanne

Cambia quindi il dipinto più caro della storia. Gauguin strappa il primato a “I giocatori di carte” di Cézanne, venduto a degli emiri per 250 milioni.

La storia delle aste è però ricca di aggiudicazioni da brivido

“Tre Studi di Lucian Freud”, Francis Bacon (1969)
Venduto all’asta di Christie a 142 milioni di dollari nel novembre 2013 a New York. Il trittico è stato stimato 85 milioni di dollari.

L’Urlo”, Edvard Munch (1895)
Una delle quattro versioni de “L’Urlo”, un pastello su cartone, venduto a maggio del 2012 da Sotheby per 119 milioni di dollari.

“Silver Car Crash”, Andy Warhol (1963)
Da Sotheby, l’opera monumentale è stata venduta a più di 105 milioni dollari nel mese di novembre 2013. Il record assoluto per un’opera del maestro della pop art americana.

“Nu au plateau de sculpteur”, Pablo Picasso (1932)
95 milioni dollari l’importo raggiunto nel maggio 2010 per il dipinto che rappresenta la sua musa Marie-Thérèse Walter.

“Il Garçon à la Pipe”, Pablo Picasso (1905)
Dipinto quando l’artista aveva ancora 24 anni, è stato venduto per 93 milioni di dollari nel maggio del 2004 da Sotheby a New York

“L’Homme qui marche”, Alberto Giacometti (1960)
Nel febbraio 2010, durante un’asta di Sotheby a Londra viene assegnato per più di 92 milioni di dollari quella che attualmente la scultura più costosa della storia.

“Dora Maar con il gatto”, Pablo Picasso (1941)
Venduto all’asta il 3 maggio del 2006 da Sotheby di New York per 85 milioni dollari.

“Black Fire I”, Barnett Newman (1961)
Venduto da Christie per 84 milioni di dollari  a New York, nel maggio del 2014

“Tre studi per un ritratto di John Edwards”, Francis Bacon (1984)
Questo lavoro è stato assegnato per poco più di 80 milioni dollari da Christie nel maggio del 2014.

Enzo PLAZZOTTA lo scultore che piace agli inglesi

Andando a curiosare su come sono andate le aggiudicazione degli artisti italiani negli Stati Uniti in questo inizio di 2015, mi ha colpito lo scultore Enzo PLAZZOTTA. Lo conoscete?

Ci sono artisti famosi in Italia che trovano mercato anche all’estero, a volte con vere e proprie esplosioni dei prezzi nelle aste di arte moderna e contemporanea, altre volte con un’efficace promozione da parte di importanti Gallerie o mecenati.

Young Dancer, scultuara di Enzo Plazzotta

Young Dancer, scultura in bronzo di fronte alla Royal Opera House.

Enzo Plazzotta è nato a Mestre, vicino a Venezia e morto all’età di sessantanni dopo aver lavorato a Londra come scultore per più della metà della sua vita. Ha sempre mantenuto i suoi legami con l’Italia e aveva uno studio a Pietrasanta in Toscana dal 1967.

Ha studiato presso l’Accademia di Brera a Milano sotto la guida vigile di Giacomo Manzù, tra gli altri. I suoi studi sono stati interrotti dalla seconda guerra mondiale in cui è diventato un leader partigiano nei pressi del Lago Maggiore.

Il suo arrivo a Londra coincise con la presentazione della sua statuetta al club delle Forze Speciali per commemorare la proficua collaborazione tra il Comitato Italiano di Liberazione e le Forze Speciali britanniche. Qui inizia la sua avventura

londinese.Amava sperimentare la sua scultura con pose in movimento, con soggetti diversi come la danza, i cavalli e la forma umana. Fonteyn, Nerina e Dowell, Park e Wall sono stati tra i molti ballerini che sono venuti nel suo studio.Potete visitare una galleria fotografica delle sue creazioni sul sito a lui dedicato http://www.plazzotta.co.uk/MainGallery.htm.

Aggiudicazioni nelle aste di arte moderna e contemporanea di Enzo Plazzotta

Tornando alle aste di arte moderna e contemporanea, mi ha colpito l’opera “Nicki Howorth II”, una bellissima figura femminile del 1978 presente all’asta n° 388, Palm Beach Winter Auction, Chicago svoltasi il 13 febbraio a Chicago. L’aggiudicazione ha superato la stima massima di 7.000 USD fermandosi a 8.132 USD.Non male per un multiplo di 9 esemplari.

Estendendo la ricerca di altre opere di Enzo PLAZZOTTA aggiudicate oltre la stima massima in altre aste di arte moderna e contemporanea , ho trovato la scultura “Mark” aggiudicata a 7.000 Sterline (1.000 in più della stima massima) alla Modern British and Irish Art London del 03/06/2014, “Sur le Pontes” aggiudicata a 3.400 euro con una stima massima di 2.5000 all’Important Irish Art Dublin del 28/05/2014, “Pirouette” aggiudicata a 3.750 Sterline da un massimo di 2.500 alla Modern British and Irish Art London del 16/10/2013, fino alla “Baigneuse” stimata al massimo a 3.000 sterline e aggiudicata all’impressionante cifra di 8.130 Sterline alla Modern British and Irish Art London del 11/07/2013.

Tra le aggiudicazioni più alte, da segnalare “Les Nymphes” aggoidicata a parigi nel luglio 2006 per 38.000 euro e stiamo parlando di un multiplo in bronzo di 9 esemplari.

Massimo Vitali, un amore a stelle e strisce

Facendo una ricerca sugli artisti italiani che nel 2014 hanno riscosso maggiori successi nelle aggiudicazioni delle aste di arte moderna e contemporanea svoltesi sul suolo USA, ha attirato la mia attenzione Massimo Vitali (Como, 1944).

Vitali è, nel mondo, uno dei fotografi più conosciuti e riconoscibili. Le sue foto di spiagge e stazioni sciistiche ci raccontano la cultura del tempo libero che si articola nella nostra penisola, con un approccio dal punto di vista sociologico.

Le sue opere fotografiche sono stampate in grande formato, su plexiglas e alluminio, le inquadrature di spazi pubblici connessi ad un aspetto ludico della vita come piscine, discoteche, spiagge, parchi sono attentamente calibrate dal punto di vista cromatico.

Sinceramente non conoscevo Massimo Vitali, ma guardando le opere del suo sito personale (http://www.massimovitali.com), sono rimasto rapito dalla familiarità del soggetto, dalla sensazione di vitalità e freschezza presente in quelle scene che evocano anche i suoni di quei momenti. Infatti sembra quasi sentirla quella folla di gente chiacchierare in spiaggia, con in sottofondo la radio dello stabilimento mischiata al rumore delle onde.

Tornando alle aggiudicazioni, ho raccolto quelle che hanno superato le stime massime tra il 2008 e il luglio 2014, nelle aste di arte contemporanea svoltesi negli Stati Uniti. I risultati sono sorprendenti!

Titolo : Papeete Beach Regatta, from Landscape with Figures
Asta : «2864»*, Prints and Multiples New York 16/07/2014
Stima : 2.000 USD – 3.000 USD
Aggiudicazione : 6.000 USD
Titolo : Madima Wave (vertical), from Landscape with Figures
Asta : «2864»*, Prints and Multiples New York 16/07/2014
Stima : 2.000 USD – 3.000 USD
Aggiudicazione : 3.750 USD
Titolo : Rosignano (Diptych), from Landscape with Figures, (2)
Asta : «2864»*, Prints and Multiples New York 16/07/2014
Stima : 4.000 USD – 6.000 USD
Aggiudicazione : 8.750 USD
Titolo : Les Menuires Grande (from the Landscapes with Figures portfolio)
Asta : Art + Design* Chicago 27/02/2014
Stima : 2.000 USD – 3.000 USD
Aggiudicazione : 4.690 USD
Titolo : Sagamore (diptych)
Asta : «NY030013»*, Day Editions New York 29/04/2013
Stima : 2.500 USD – 3.500 USD
Aggiudicazione : 7.000 USD
Titolo : A Portfolio of Landscapes with Figures
Asta : «NY010213»*, Photographs New York 03/04/2013
Stima : 20.000 USD – 30.000 USD
Aggiudicazione : 40.000 USD
Titolo : Animaletti
Asta : Living Contemporary* Chicago 27/09/2012
Stima : 2.000 USD – 3.000 USD
Aggiudicazione : 4.690 USD
Titolo : Marina di Carrara Torre Fiat
Asta : Post-War and Contemporary Art* Lambertville (NJ) 12/11/2011
Stima : 1.500 USD – 2.000 USD
Aggiudicazione : 2 600 USD
Titolo : 1) Vareggio Sun; 2) Firenze Via-Via
Asta : «18561», Photographs San Francisco 10/05/2011
Stima : 1.500 USD – 2.000 USD
Aggiudicazione : 3.000 USD
Titolo : Sagamore Diptych (small)
Asta : «NY030209»*, Modern & Contemporary Editions New York 15/11/2009
Stima : 1.200 USD – 1.800 USD
Aggiudicazione : 2.380 USD
Titolo : Viareggio Red Fins
Asta : «2127»*, Open House New York 12/01/2009
Stima : 3.000 USD – 5.000 USD
Aggiudicazione : 7.500 USD
Titolo : Riccione (from Landscape with Figures)
Asta : «NY000208»*, Saturday @ Philips New York 25/10/2008
Stima : 1.200 USD – 1.800 USD
Aggiudicazione : 3.130 USD
Titolo : Vecchiano North
Asta : «1970»*, Post-War And Contemporary First Open New York 01/04/2008
Stima : 25.000 USD – 35.000 USD
Aggiudicazione : 39.400 USD

Joan MIRÓ aggiudicazioni da capogiro alle aste di arte contemporanea

Joan Miró (1893-1983) dei surrealisti fu uno dei più radicali teorici non nascondendo mai il suo disprezzo per l’arte convenzionale. Lo stesso fondatore del surrealismo André Breton, lo descrisse come “il più surrealista di noi tutti”.

Le sue opere sono riconoscibili da chiunque e già nel 1954 Miró vinse il premio per la grafica alla Biennale di Venezia.

Proprio le sue opere multiple conquistano sempre più consenso e valore tra gli investitori che frequentano le aste di arte moderna e contemporanea.

Nell’asta del 30 giugno presso la Farsettiarte di Prato, sono state battute due opere all’acquaforte e acquatinta a colori sopra la stima massima. “Bethsabée” del 1972 è stata aggiudicata a 4.000 euro contro le 3.300 della stima massima.
Quatre colors aparien el món…” del 1975 ha demolito la stima massima di 3.300 euro fermandosi a 5.800 euro.
Nell’asta di arte moderna e contemporanea di “Il Ponte” Casa d’Aste di Milano, del 11 giugno, altre due opere multiple di Joan Mirò hanno fatto segnare aggiudicazioni da record. Entrambe i lotti presentavano un’acquaforte, acquatinta e carborundum di date simili. “Le Grand Ordinateur” del 1969 ha superato la stima massima di 8.000 euro fermandosi a 12.500 euro
L’Oiseau Destructeur” del 1968 ha invece doppiato la stima massima di 7.500 euro, chiudendo con un’aggiudicazione spettacolare di 15.000 euro.
Titolo : Bethsabée
Data : 1972
Asta: “168 – I”, Dipinti, Disegni, Scultura e Grafica, Prato, 30 Maggio 2014
Tecnica : Acquaforte e acquatinta a colori
Stima : 2.300 EUR – 3.300 EUR
Aggiudicazione : 4.000 EUR
Titolo : Quatre colors aparien el món…
Data : 1975
Asta: “168 – I”, Dipinti, Disegni, Scultura e Grafica, Prato, 30 Maggio 2014
Tecnica : Acquaforte, Acquatinta a colori
Stima : 2.300 EUR – 3.300 EUR
Aggiudicazione : 5 800 EUR
Titolo : Le Grand Ordinateur
Data : 1969
Asta : Arte Moderna e Contemporanea, Milano, 11 Giugno 2014
Tecnica : acquaforte, acquatinta e carborundum
Stima : 6.500 EUR – 8.000 EUR
Aggiudicazione : 12.500 EUR
Titolo : L’Oiseau Destructeur
Data : 1968
Asta : Arte Moderna e Contemporanea, Milano, 11 Giugno 2014
Tecnica : acquaforte-acquatinta e carborundum
Stima : 6.300 EUR – 7.500 EUR
Aggiudicazione :  15.000 EUR

Consiglio di visitare il sito web della fondazione creata dallo stesso Mirò nel 1972 http://www.fundaciomiro-bcn.org/ e la canonica pagina di wikipedia.

Michelangelo Pistoletto è un successo d’acciaio inossidabile

Personalmente trovo le opere di Michelangelo Pistoletto estremamente stimolanti a livello cerebrale. L’utilizzo di materiale specchiante come superficie consente l’inclusione della realtà nell’opera stessa, superando anche la variabile del tempo restando perennemente nel presente.

Proprio 3 serigrafie su acciaio inossidabile lucidato a specchio sono le protagoniste di questo post, aggiudicate in due aste diverse oltre la stima massima.

Il 28 maggio presso la casa d’aste, Sotheby’s di Milano, l’opera dal titolo “Il telefono” è stata aggiudicata a 28.750 euro contro le 20.000 di stima massima.

Le altre due opere, entrambe battute presso la casa d’aste Farsettiarte di Prato i giorni 30 e 31 maggio, hanno stracciato le stime massime: “Gabbia” è stata aggiudicata a 7.500 euro contro i 3.500 euro mentre “Girasoli” ha raggiunto gli 11.000 euro contro gli 8.000 euro di stima massima.

Title : Il telefono
Data : 1983
Asta : “MI0324”, Arte Moderna e Contemporanea, Milano, 28 Maggio 2014
Tecnica : Serigrafia su acciaio inox lucidato a specchio
Stima : 15.000 EUR – 20.000 EUR
Aggiudicazione : 28.750 EUR


Titolo : Gabbia
Asta: “168 – I”, Dipinti, Disegni, Scultura e Grafica, Prato, 30 Maggio 30, 2014

Tecnica : Serigrafia su acciaio inossidabile lucidato a specchio
Stima : 2.500 EUR – 3.500 EUR
Aggiudicazione : 7 500 EUR

Titolo : Girasoli
Asta: “168 – I”,  Arte Contemporanea, Prato, 31 Maggio 30, 2014
Tecnica : Serigrafia su acciaio inossidabile lucidato a specchio
Stima : 5.000 EUR – 8.000 EUR
Aggiudicazione : 11.000 EUR

Consiglio di visitare il sito ufficiale di Michelangelo Pistoletto e guardare questo video su youtube dell’artista al TED di Milano.

Marc Chagall doppio colpo alla Farsettiarte di Prato

Schizzano in alto le aggiudicazioni delle litografie a colori di Marc Chagall (1887-1985). Nell’asta numero 168-I del 30 Maggio presso la Casa d’Aste Farsettiarte di Prato, il grande pittore russo ha fatto segnare 2 aggiudicazioni sopra la stima massima e per entrambe più del doppio.

Si tratta di due litografie a colori, la prima del 1983 dal titolo “Monde familier”, è stata battuta a 4.000 euro contro una stima massima di 1.800 euro.

La seconda litografia, sempre a colori, dal titolo “Paris en fête” del 1982, ha chiuso a 3.800 euro contro i 1.800 euro della stima massima.

Titolo : Paris en fête
Data : 1982
Asta: «168 – I», Dipinti, Disegni, Scultura e Grafica, Prato 30 Maggio 2014
Tecnica : Litografia a colori
Stima : 1.000 EUR – 1.800 EUR
Aggiudicazione : 3.800 EUR

Titolo : Monde familier
Data : 1983
Asta: «168 – I», Dipinti, Disegni, Scultura e Grafica, Prato, 30 Maggio 2014
Tecnica : Litografia a colori
Stima : 1.000 EUR – 1.800 EUR
Aggiudicazione : 4.000 EUR

Segnaliamo oltre alla pagina Wikipedia dedicata all’artista, anche un sito molto ricco di opere e dati http://www.marcchagall.net/index.jsp

SOTO Jesús Rafael decolla nelle quotazioni

L’artista venezuelano JESUS RAFAEL SOTO (1923-2005), protagonista dell’arte cinetica, supera ormai da tempo le stime massime nelle aste di arte moderna e contemporanea nel mondo. Già alla fine dello scorso anno si erano registrate aggiudicazioni record, ma anche in questo 2014 le sue opere multiple hanno messo a segno risultati soprendenti. Eccone alcuni.

Titolo: Composicion en plate, cobalto y negro (from the Jay-Alai series)
Data : 1969
Tecnica: Serigrafia su plexiglas
Asta «323», Arte Moderna e Contemporanea, Milano, Wednesday, June 11, 2014
Stima : 300 EUR – 500 EUR
Aggiudicazione: 3.750 EUR

Titolo : Composicion en verde y blanco (from the Jay-Alai series)
Data : 1969
Tecnica: Serigrafia su plexiglas
Asta «323», Arte Moderna e Contemporanea, Milano, Wednesday, June 11, 2014
Stima : 300 EUR – 500 EUR
Aggiudicazione: 5.000 EUR

Titolo : TES AZULES Y NEGRAS
Data : 1979
Tecnica: Serigrafia su plexiglas e metallo
Asta: Drouot Richelieu, Salle 7, Estampes* Paris 23/06/2014
Stima : 6 000 EUR – 8 000 EUR
Aggiudicazione: 9.020 EUR

Titolo: COMPOSITION CINETIQUE
Data : 1991
Tecnica: Serigrafia su plexiglas, asta di legno verniciata e filo di nylon
Asta: Estampe et Multiples Paris 08/04/2014
Stima : 3 000 EUR – 4.000 EUR
Aggiudicazione: 8.430 EUR

Titolo : ESCRITURA
Data : 1978
Tecnica: Serigrafia su plexiglas e metallo
Asta: Estampe et Multiples Paris 08/04/2014
Stima : 6.000 EUR – 8.000 EUR
Aggiudicazione: 12.400 EUR

Titolo : OVALO EN EL ROJO
Data : 1979
Tecnica: Serigrafia su plexiglas e metallo
Asta : Estampe et Multiples Paris 08/04/2014
Stima: 6.000 EUR – 8.000 EUR
Aggiudicazione: 11.780 EUR

Per informazioni sull’artista si può visitare la classica pagina di Wikipedia e vedere un’intervista molto interessante su youtube.

Alberto Burri: in alto le aggiudicazioni dei CRETTI e MUFFA

Alberto Burri (1915-1995) non ha certo bisogno di presentazioni. Il Maestro ha creato opere d’arte su ogni superfecie, sia che si tratti di opere uniche che dei suoi multipli, quotatissimi come pezzi rari.
Già in questa metà del 2014, in Italia, possiamo individuare due risultati sopra le stime massime, il primo dal titolo “Cretti H” è stato aggiudicato a 16.000 euro contro i 12.000 euro di stima massima.
Il secondo dal titolo “Muffa” ha quasi raddobbiato la stima massima femandosi a 2.000 euro.

Asta: «185», Arte Moderna e Contemporanea, Genova,  19 maggio 2014
Titolo : Cretti H
Data : 1971
Tecnica : Acquaforte, Acquatinta su carta Fabriano
Stima : 10.000 EUR – 12.000 EUR
Aggiudicazione : 16.000 EUR

Asta: «323», Arte Moderna e Contemporanea, Milano,  11 giugno 2014
Titolo : Muffa
Data : 1959
Tecnica : incisione realizzata con tecnica mista
Stima : 1.000 EUR – 1.200 EUR
Aggiudicazione : 2.000 EUR

Se estendiamo la ricerca anche all’estero scopriamo che un buono di stampa di “Cretti H” ha DEMOLITO la stima massima di 12.000 sterline fermando il banditore a 23.130 sterline!

Asta : «5207», Buono di Stampa: Prints from the Archive of Stamperia 2RC, London, February 26, 2014
Titolo : Cretti H
Date : 1971
Tecnica : etching and aquatint with embossing, on Fabriano card, from an edition of 90 and 15 artist’s proofs
Stima : 8.000 GBP – 12.000 GBP
Aggiudicazione : 23.130 GBP with BP

Per sapere tutto su Alberto Burri esiste il sito ufficiale della sua Fondazione Palazzo Albizzini

ANDY WARHOL e i due dollari “Two Dollars” da record

Impressionante aggiudicazione dell’opera “Two dollars” di ANDY WARHOL nell’asta n° 778, “Opere dell’Arte Moderna e Contemporanea” della casa d’aste Meeting Art di Vercelli, del 02 giugno 2014.

L’opera del 1975 ha fatto segnare un’aggiudicazione di 4200 euro contro una stima massima di 3000 euro.
Si tratta di pennarello su biglietto da due Dollari USA con applicazione di francobollo e timbro postale.
L’opera è davvero stimolate poiché un pezzo di carta che ha un valore legale ben determinato, grazie alla firma del grande Warhol non solo incrementa di migliaia di volte il suo valore ma può anche aumentare nel tempo. Davvero spettacolare.